Giulia Agazzi - Consulente viaggi su misura

MALDIVE: i miei consigli su questo viaggio!

Maldive: il paradiso dell’Oceano indiano.

 

A settembre 2023, come ogni anno, per lavoro sono in visita in questo paradiso per testare gli hotel da riproporre ai miei clienti, da quelli 4 stelle a esperienze di lusso 5 stelle luxury.

 

Per raggiungere le Maldive il tempo passa velocemente con un volo diretto con la compagnia Neos, oppure altri voli di linea con un breve scalo: in sole 10 ore arrivo in questo paradiso!

All’arrivo, come sempre, c’è un personale addetto che mi aspetta con un cartello scritto con il nome del resort.

 

A seconda del resort selezionato, la distanza da Malè varia anche la tipologia dei trasporti:

– Barca veloce: per i resort 4 stelle vicino Malè Nord è una semplice imbarcazione e se sei una persona che soffre il mal di mare, il mio consiglio è di assumere qualche istante prima Travelgum per evitare sensazioni di nausea.
Invece vi posso garantire che nei resort 5 stelle sarà un yatch molto accogliente ad attendervi  e senza problemi di mal di mare.

– Idrovolante: mi è capitato di prenderlo per raggiungere atolli  lontani da Malè: esperienza unica in quanto ho avuto la visione dall’alto delle Maldive a 360°.

Ho notato anche con molto dispiacere che a causa del cambiamento climatico e per tutelare gli atolli dall’innalzamento del mare, c’erano navi che spargevano sabbia per proteggere atolli già esistenti oppure creavano atolli artificiali per creare nuovi resort…

Quando bisogna prendere l’idrovolante, c’è un aeroporto in cui serve fare un check-in, rispettare i massimali di Kg consentiti tra bagaglio a mano+bagaglio da stiva, altrimenti i kg eccedenti sono soggetti a un extra da pagare per il carburante.

Aspetto importante da considerare che gli idrovolanti non volano dopo le ore 16,  perciò in caso di ritardo volo è da considerare una notte a Malè.

Non sempre si ha l’occasione di partire subito con l’idrovolante in quanto si può attendere solo mezz’ora, ma a volte capita di attendere anche due ore!

 

Volo interno + barca veloce: per quei resort come il Vila park che ha un aeroporto nei pressi dell’atollo.

In genere può durare il trasferimento anche 30 minuti e all’arrivo c’è una barca che mi porta al resort.

In tutto ciò, vi posso garantire che ogni volta che le visito è come se fosse la prima volta e l’emozione si fa ancora più forte quando prenderete l’idrovolante.

Un volta che atterro, c’è sempre il personale che mi accoglie salutandomi con un sorriso che mi scalda il cuore e per rinfrescarmi dal viaggio c’è sempre questo fazzoletto profumato del fiore tipico delle Maldive (Frangipani) che ti avvolge.

 

Altra attenzione che ho apprezzato è sicuramente in fase di check- in, mi hanno fatto compilare un form per sapere se avessi intolleranze alimentari o celiachia e se il resort selezionato fa parte della stessa gestione Universal, si comunicano queste preziose informazioni.

 

 

 

Ho visitato in questi anni diversi resort e per scegliere il migliore, bisogna tenere conto non solo del budget, ma anche di determinate caratteristiche tra cui:

– Atollo piccolo: consigliato per chi desidera un ambiente romantico con solo l’essenziale come un solo ristorante, pochi bungalow ecc. Le isole piccole sono più intime, più raccolte, più sperdute: ideale per i novelli sposi in cerca di un rifugio appartato.

 

– Isola medio-grande: sicuramente consigliato per coppie dinamiche o famiglie che desiderano servizi aggiuntivi come Kids club, più ristoranti anche alla carta per un servizio superior.

 

– Barriera corallina: ideale per chi ama fare snorkeling direttamente dalla spiaggia. Se sei un appassionato di questo sport e ami nuotare, l’isola con reef è la scelta consigliata: questo dettaglio è presente soprattutto nei resort in atolli piccoli.

 

– Atollo lagunare: consigliato a chi ama fare immersioni e snorkeling a largo, ma sicuramente con una varietà di pesci.

 

 

Durante questi viaggi di lavoro inspection ho anche l’occasione di rispondere a una vostra domanda più ricorrente, ossia se è meglio dormire in una beach villa o in una over water?

 

Io vi consiglio di provare a dormire almeno due notti in over water (la palafitta sull’acqua) per togliervi lo “sfizio” e il resto delle notti a due passi dalla spiaggia in beach villa.

Sicuramente è anche una scelta personale e bisogna considerare anche che le beach villa si trovano in punti accessibili per raggiungere a piedi nudi i ristoranti, spa, aree comuni e spiaggia.

Le over water seppur ritengo che sia un sogno da realizzare, può garantirvi più privacy con l’accesso diretto nel reef per praticare snorkeling e silenzio assoluto.

Al vostro risveglio vi sentirete rigenerati e coccolati dal rumore delle onde come è successo a me.

Le beach villa direi che è la scelta che consiglio di più se volete svegliarvi a due passi dalla spiaggia e camminare a piedi nudi è la sensazione più bella.

Soprattutto ideale per chi ama come me leggere il proprio libro preferito all’ombra sotto le palme da cocco ed essere circondati dalla ricca vegetazione.

Le beach villa in genere hanno anche ampi bagni esterni con docce e vasche di design immersa in un giardino tropicale per una pausa di benessere alla fine della giornata.

 

Qualunque sia la  vostra scelta, avrete modo di lasciarvi consigliare da me per realizzare il vostro sogno tanto atteso ma i consigli non finiscono qui: se volete un aiuto su come fare una valigia perfetta, https://www.giuliaagazzi.it/valigia-i-miei-consigli-per-prepararsi-a-un-viaggio/

 

E in più potete guardare il mio video anche su You tube a questo link, in cui vi parlo meglio di questo argomento: https://www.youtube.com/watch?v=ynPwCx1tX-w

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Picture of Giulia Agazzi - Consulente Viaggi Online

Giulia Agazzi - Consulente Viaggi Online

Piacere di conoscervi!
Sono Giulia, la tua consulente viaggio di fiducia: ho deciso di intraprendere questo percorso perchè voglio aiutarvi a trovare la soluzione migliore per vostre vacanze.

Consulenza gratuita

Compila il form e prenota la tua call gratuita di 30 minuti!